Amatores History

Scatena Bruno Mannoni Vittorio Filippi Antonello Lacorte Alberto Ghiani Chicco Floris Roberto Gerina Roberto Ruggiu Tiziano Denti Sandro Mannai Elia Ferrara Fernando Masili Sergio Migliarese Pino Cadoni Stefano Frau Nando (DIR) Boi Valentino Sanna Andrea II Oliveira Lulu Caocci Livio Sarritzu Cenzo Secci Franco Sarritzu Roberto Pibiri Siro Spada Antonello Alimonda Gianni Ortu Leonardo Frau Massimo Pinna Silvio (DIR) Pala Virgilio Pitzalis Franco Impera Emanuele Porru Vittorio Pisano Felice Salis Ignazio Pucci Stefano Murgia Emilio Saba Mario (DIR) Montisci Marco Falchi Lello Mura Gianni Cossu Giampaolo Polo Enrico Contu Mauro Ancis Corrado Sorrentino Quintino Mister Mondino Manca Melis Andrea Mister Alfredo Coiana Concas Demetrio (DIR) Melis Salvatore Spada Massimiliano Murgia Pierpaolo Murgia Antonello (Bubu) Todde Massimo Ortu Stefano Rais Enrico Buffa Maurizio Sano Alfredo Pisano Tonino Dessena Giacomo Passino Guido Lecca Roberto Atzeni Roberto Pagani Fabrizio AC Presidente   Zio Pino Marras Angioni Giuseppe Mister Leo Ortu Lugas Luca Banchero Paolo Locci Michele Migoni Davide Garau Gianni Murtas Roberto Anedda Marco (DIR) Battilani Andrea Portoghese Marcello Porcu Lorenzo Angioni Antonello Perfetto Raffaele Gallus Simone Sanna Manuele Mulas Mario Picciau Massimo Boi Federico Lacorte Emanuele Cogoni Daniele Sanna Andrea (Ringhio) Sanna Paoletto Argiolas Tonino Lombardo Gianni Dessi Sebastiano Azzola Marco Moi Mario Angioni Pierpaolo Dessalvi Gianni

:lol   IL DODICESIMO UOMO  ( Parte terza )

La prima amichevole

Dopo le simpatiche polemiche estive, scoppiate a più riprese nella AS Amatori sull’opportunità, da parte di alcuni atleti, di continuare ad offrire cene, cibi & bevande alla Dirigenza della Società allo scopo di ingraziarsi i favori di futuri impieghi da titolari nel prox campionato over 50, il Mister organizzava amichevole notturna presso lo Stadio Ferrini Mercoledì 13 settembre contro gli over 50 del “Filu ‘e Ferru” (fonte Wikipedia) o “Fil’e Ferru” (fonte Randompedia.net) o “Fil’èFerru” (fonte Sardegna.news). Si temeva la carica dei 101 alle convocazioni per il primo match della stagione. Qualcuno già temeva di doversi accomodare in tribuna, causa carenza posti disponibili nelle panchine. Viceversa, a causa di un allineamento anomalo dei pianeti, il nostro Mister si vedeva costretto a dover “soffrire” meno del previsto per posizionare i suoi “prodi” in campo … solo 13 anime dannate a disposizione, tra cui la new entry Michele Locci, nel suo ruolo canonico di punta.
Negli spogliatoi del pre-partita emergevano da subito le prime “schegge impazzite”. Roberto Murtas, tutto serio, esclamava: “io quest’anno terrò un basso profilo. Non farò più dichiarazioni alla stampa e non mi farò più trascinare dal gruppo..”. E beh, povero ragazzo, come si fa a biasimarlo ? A seguito delle reazioni a cui ha assistito (dopo che ha tentato di pubblicare il Mod. 730 di Duracell e aver contribuito a svuotare le riserve di caffè presso il Resort Geovillage di Olbia, nei giorni 14 e 15 luglio c.a.) ha deciso di “volare basso” e assumere un atteggiamento più consono ad un Campione provinciale amatoriale. Chi, viceversa, non sembrava aver cambiato affatto la sua capacità critica era il grande Paolo Angioni (“Flipper”) che, a chiunque varcasse la porta degli spogliatoi, gli leggeva la situazione fisica (peso compreso). Eccone alcuni esempi. Rivolto a Siro esclama: “accipicchia … ma ti sei ingrassato in modo esagerato …. Ma che cosa hai fatto questa estate ?”. Quando entra Chicco Rais insiste: “secondo me, al tuo negozio, i Lecca-Lecca te li pappi tutti tu … non è possibile avere una pancia come la tua … e cosa hai combinato, ti sei svuotato i magazzini?”. Naturalmente non poteva esimersi dal commentare l’ingresso di Erfi. “E’ inutile che tieni in dentro lo stomaco … per me hai preso dai 4 ai 5 chili… quest’anno il Mister ti affitta la panchina…”. Naturalmente, quando arriva Duracell, il commento è di altro tenore: “ragazzi, guardate e ammirate … lui si che è in forma … peso perfetto … pancia piatta… è un campione nato”. Al che qualcuno mormorava: “la cricca quartese”, altri mostrano facce di disgusto mentre Duracell ci decanta che ha mantenuto la forma circumnavigando la Sardegna per ben 3 volte con la sua bicicletta. Naturalmente modello fuori-serie. All’appello mancavano Lello (bronchite ma garantirà il suo tifo. Presente), Cenzo Sarritzu (viene a tifare ma specifica che ci sarà a mangiare la pizza nel post partita. Presente. Verrà impiegato come arbitro disgraziato), Antonello Spada (assente perché a Grosseto). Inoltre lo stesso Mister ci comunicava che “…ogni tanto fa capolino qualche allegro figuro che si diverte, a poche ore dall’allenamento, a comunicare che deve svolgere misteriosi, dimenticati e imprescindibili impegni familiari”. Ma qualcuno, con ghigno satanico, pensava “povero pollo… stanno a casa a godersi Juventus – Siviglia di Champions, altro che a correre come matti dietro ad una palla…”. Un caro saluto e un arrivederci a presto a Gianni Mura (abbandona gli Amatori Cagliari e torna con il suo gruppo storico degli Ex-Rossoblù) Federico Boi (abbandona l’Amatori Cagliari per trovare una più adeguata considerazione calcistica) e Andrea Sanna, detto “Ringhio” (per crisi di rapporti relazionali all’interno della Società). Un in bocca al lupo a tutti e un arrivederci a presto !!
Con leggero ritardo si inizia il match, dopo abbondante riscaldamento da parte dei più “cigolanti”…
Il tutto, sotto lo sguardo severo dell’inflessibile arbitro Duracell. La partita sembra da subito mostrare che la squadra campione in carica non ha perso il suo smalto. Gli avversari (onore al loro impegno e alla loro sportività) sono stati regolati da un roboante 6 a 1.
La parte del leone l’ha fatta proprio il neo acquisto Michele che ha segnato 3 reti (credo) … indubbiamente al ragazzo piace il contatto con la sfera di cuoio. Giocatore veloce e dotato di buon tiro, tende a convergere verso la zona che preferisce per liberarsi dell’avversario e sferrare un tiro di discreta potenza. Alta percentuale di conclusioni verso la porta. Talmente alto che a quel punto le reti fatte sono quasi una logica conseguenza (molti tiri verso la porta avversaria, buone possibilità di realizzo …). Dal mio umile punto di vista ritengo che se migliora il dialogo calcistico con il resto della squadra e impara a conoscere vizi & virtù di ognuno di noi, avremo modo di poter risultare una squadra da un elevato tasso realizzativo. Quindi ribadisco quanto già detto al Mister “…appare chiaro anche a Ray che bisogna organizzare al meglio le trame dell’attacco per far girare bene tutta la squadra”.
Dopo questo primo match, naturalmente, ci siamo trasferiti presso il locale “La Capricciosa 2” (Monserrato). Intorno ad un tavolo imbandito, si siamo accomodati in 6 elementi dell’Amatori Cagliari (si è unito a noi anche il Casanova Tonino) e 14 elementi della Società Fileferru con cui abbiamo fraternizzato ulteriormente. Buon clima e bella serata.
Cosa dire di più ? Come “primo giorno di scuola” non siamo andati malaccio. Abbiamo fatto la nostra porca figura. Bisognerà valutare altre prove e altri atleti per avere una immagine più compiuta di questa Società. Il Mister, alla fine, mi sembrava invece molto preoccupato del cervellotico regolamento del Torneo over 50 di quest’anno. Il nostro girone “Over 50 Junior” è formato da 16 squadre. Ogni squadra potrà tesserare 4 fuori quota scelti tra quelli del 1968 / 1969 e 1970. Il “decoro” è stato quello di fissare che del 1970 al massimo non si potrà prendere 4 atleti ma 2 soltanto. Che culo !! Che lealtà !! Facciamo un po’ di conti… La nostra squadra over 50 potrà giocare, ad esempio, contro una squadra che impiega 2 over 70 (46 anni) e 2 over 69 (47 anni). Questi giovani “virgulti” vanno ad inserirsi in un match dove gli avversari potrebbero essere tutti degli over 50 (abbondanti). Mi chiedo (e vi chiedo): CUI PRODEST ? (a chi giova?). Certamente non alla tanto spesso millantata e bistrattata “sportività”. CARPE DIEM